Quali alimenti danno la migliore energia per l’ipotiroidismo?

Il corpo ha sempre bisogno di energia per funzionare. La tua ghiandola tiroide produce ormoni che contribuiscono a rendere possibile questo. I bassi livelli ormonali della tiroide, una condizione medica chiamata ipotiroidismo, possono impedire al corpo di ottenere l’energia necessaria, portando a debolezza e stanchezza. Scegliere cibi che forniranno al vostro corpo una fornitura sostenuta di sostanze nutritive per ridurre la stanchezza associata all’ipotiroidismo.

Ipotiroidismo

Gli ormoni prodotti dalla ghiandola tiroidea regolano il modo in cui il tuo corpo usa energia, in particolare utilizzando energia dai negozi interni, in particolare nel grasso corporeo. Gli ormoni della tiroide richiedono iodio. La carenza di iodio, danni alla ghiandola tiroide e altre anomalie metaboliche possono causare ipotiroidismo. L’ipotiroidismo è caratterizzato da un guadagno di peso non spiegato: la temperatura corporea inferiore, la depressione e altri cambiamenti di umore, stanchezza e debolezza, pelle pallida e secca, peli sottili e fragili, ritenzione idrica di gonfiore e problemi digestivi.

Energia

Il tuo corpo rompe i grassi, i carboidrati e le proteine ​​per generare energia biochimica. Il corpo deve avere una fornitura costante di queste sostanze nutritive dal cibo e dai negozi interni. Gli ormoni della tiroide sono necessari per il rilascio di sostanze nutritive dai negozi interni. Senza la fornitura di sostanze nutritive tra i pasti, il tuo corpo esaurisce l’energia, facendo sentire stanchi. L’esaurimento dell’energia inoltre innesca il rilascio di ormoni dello stress che promuovono il guadagno di grasso.

Cibi da mangiare

I nutrienti contenuti negli alimenti possono essere digeriti e assorbiti dal corpo rapidamente o lentamente. I carboidrati sono la fonte preferita dell’energia rapida del corpo. Un grande aumento di carboidrati nel tuo corpo lo smette di usare grassi e altri negozi interni per l’energia. Con l’ipotiroidismo, evitare cibi che hanno carboidrati che vengono rapidamente digeriti, il che significa che hanno un alto indice glicemico. L’indice glicemico misura la velocità in cui i carboidrati negli alimenti elevano la glicemia. Scegliere alimenti a basso indice glicemico come verdure, fagioli, legumi, cereali integrali e alcuni frutti piuttosto che zucchero o carboidrati trasformati.

Pianificazione del pasto

Mangiare piccoli, pasti frequenti per mantenere i livelli di nutrienti nel tuo corpo stabile, senza l’impennata che proviene da mangiare grandi pasti che bloccano la combustione dei grassi. Scegliere una sorgente di proteine ​​magre e carboidrati a basso indice glicemico, in particolare verdure, per ogni piccolo pasto. Pianificare e preparare i pasti in anticipo può aiutare a mantenerti in bersaglio, piuttosto che ricorrere a cibi poco cibi.