Rapporto tra frequenza cardiaca e idoneità cardiovascolare

La frequenza cardiaca, o il numero di volte in cui il tuo cuore batte entro un minuto, è una buona misura sia dell’intensità fisica e dell’allenamento cardiovascolare. La maggior parte degli atleti sanno che misurare la frequenza cardiaca di riposo insieme a quella durante l’attività vi aiuterà a garantire che i tuoi allenamenti siano efficaci, sia nel bruciare i grassi che nello sviluppo della tua forma cardiovascolare. Altri fattori possono influenzare la frequenza cardiaca. Questi includono il livello di attività, le emozioni, il livello di forma fisica, i farmaci, la dimensione e la posizione del corpo ..

Ginnastica cardiovascolare

La forma cardiovascolare si riferisce alla capacità del tuo corpo di generare energia e di fornire ossigeno ai muscoli funzionanti. L’attività aerobica regolare, ad esempio, a piedi, in bicicletta, jogging o danza aerobica, aumenta la tua resistenza cardiovascolare o fitness per consentire di lavorare continuamente per lunghi periodi di tempo. Rinforza anche il cuore e i polmoni, rendendo i muscoli più efficienti nell’uso dell’ossigeno. La quantità di sangue pompata attraverso il tuo corpo ad ogni battito cardiaco è aumentata, con conseguente riduzione della frequenza cardiaca e un rischio minore di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e obesità.

Come controllare la frequenza cardiaca

Per controllare la frequenza cardiaca, dovrai misurare il numero di battiti al minuto del tuo cuore in base al tuo impulso. Usando il tuo indice e il dito medio, sentite per il tuo impulso sia sul lato del tuo ventre o sul polso tra il tuo osso e il tendine sullo stesso lato del pollice. Una volta che hai trovato un impulso costante, contati il ​​numero di battiti che ti senti in 15 secondi e moltiplica questo numero per quattro per calcolare il numero di battiti al minuto.

Battiti del cuore a riposo

La frequenza cardiaca di riposo, o la frequenza cardiaca normale, è il numero di battiti al minuto mentre il corpo è a riposo. Il tasso normale varia e aumenta con l’età, ma è generalmente tra 60 e 100 battiti al minuto. Le frequenze cardiache di riposo più basse indicano una funzione cardiaca più efficiente e una migliore forma cardiovascolare. Infatti, una frequenza cardiaca di riposo dell’atleta può addirittura essere inferiore a 40 battiti al minuto. Un tasso più elevato significa che il tuo cuore potrebbe lavorare troppo. Le frequenze cardiache insolitamente elevate, conosciute come tachicardia o frequenze cardiache insolitamente basse, bradicardia, possono anche indicare un problema sottostante per il quale si dovrebbe vedere un medico.

Frequenza cardiaca target

Quando si lavora, è importante essere sicuri di lavorare abbastanza per vedere i risultati, ma non così difficile da provare bruciore o esaurimento. La frequenza cardiaca target è il numero di battiti al minuto che dovresti puntare quando si lavora. È possibile monitorare periodicamente la frequenza cardiaca durante l’allenamento per assicurarsi di essere in pista. È 50-85 per cento della frequenza cardiaca massima. Le linee guida generali indicano che la frequenza cardiaca massima è di circa 220 anni meno della tua età. Da questo, è possibile determinare la frequenza cardiaca target calcolando sia il 50% che l’85% del massimo.